.
Annunci online

straniero
diario
30 novembre 2016
Cronologia di una disinformazione perfettamente organizzata
Post dedicati a questa storia:
* * *
«La disinformazione in rete porta odio e violenza»
                                                           Laura Boldrini

Prima puntata

mercoledì 2 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: La propaganda russa all’offensiva anti-Renzi. E il web grillino rilancia. [prima parte di un’inchiesta in due puntate]
sabato 5 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: L'abbraccio dei cinque stelle con i due emissari di Putin. [seconda parte di un’inchiesta in due puntate]
martedì 8 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: L'Antidiplomatico, così un sito divulga la linea filo-russa del M5S.
giovedì 10 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: La formula odio + cyberpropaganda (articolo dove apparentemente si parla dell’Italia soltanto di striscio, ma comunque con riferimenti precisi al M5S)
lunedì 14 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: The Russian propaganda against Renzi: and Grillo’s web backs it up (traduzione in inglese della prima parte dell’inchiesta pubblicata il mercoledì 2 novembre 2016)
lunedì 14 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: The affaire between the Five Star Movement and Putin’s emissaries (traduzione in inglese della seconda parte dell’inchiesta pubblicata il sabato 5 novembre 2016)
mercoledì 16 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sull’edizione cartacea della Stampa: Palazzo Chigi denuncia l’account della cyber propaganda pro M5S (articolo pubblicato all’indomani della denuncia per diffamazione alla Procura di Firenze di Beatrice Di Maio, che scrive sotto pseudonimo sull’account Twitter @BeatricedimaDi, presentata dal sottosegretario a Palazzo Chigi Luca Lotti)
mercoledì 16 novembre 2016Lo stesso giorno in cui la Stampa pubblica l'articolo di Iacoboni, il PD rivolge al governo un'interrogazione parlamentare, con primo firmatario il capogruppo in commissione Affari costituzionali, Emanuele Fiano, chiedendo: “Esiste una struttura che lavora nel web con il compito di diffamare con notizie false il PD e le istituzioni della Repubblica? Se vero, da chi è controllata e in che modo è organizzata?”, e aggiungendo “Di questa preoccupante ipotesi di una macchina del fango costruita ad arte a favore del M5S, ne sanno qualcosa il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, Grillo, Davide Casaleggio, Di Battista? Oppure ancora una volta saranno bravi a urlare nei loro comizi ma a tacere quando si tratta di ipotesi così gravi che li riguardano”. In contemporanea, i senatori Francesca Puglisi e Andrea Marcucci presentano anche ad Alfano l’interrogazione seguente: “Fa capo al M5S una macchina del fango che ha il compito di diffondere notizie false e diffamatorie contro il governo e le istituzioni? L’interrogazione prende spunto da un servizio giornalistico su un account legato al M5S che sembrerebbe gestito da una società e dalla denuncia presentata dal sottosegretario Luca Lotti”.
martedì 22 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: Ecco la cyber propaganda pro M5S. La procura indaga sull’account chiave (una settimana dopo la denuncia, versione online dell’articolo pubblicato il mercoledì 16 novembre 2016 sull’edizione cartacea del giornale)
martedì 22 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online la versione in inglese del suo articolo: “Pro 5SM cyber propaganda. Attorney investigates key account”. Sottotitolo: Algorithms, fake news, hoaxes. Palazzo Chigi has filed a complaint for defamation.
martedì 22 novembre 2016Jacopo Iacoboni pubblica sulla Stampa online: Cyber propaganda pro M5S, Quattrociocchi: “Anche da noi architetture organizzate sul web”.
giovedì 24 novembreFranco Bechis svela su Libero il suo scoop sulla vera identità di Beatrice Di Maio: si tratta di Tommasa Giovannoni Ottaviani, detta Titti, moglie di Renato Brunetta.

Durante queste tre settimane, non so quante volte Jacopo Iacoboni sia stato invitato in televisione per illustrare la sua "teoria", ripresa anche nei giornali e sul Web in modo totalmente acritico un po’ da tutte le parti. Il suo giornale lo ha pure premiato. Fine prima puntata.

* * *

Seconda puntata

martedì 29 novembre 2016Alberto Nardelli, editore di BuzzFeed News Europe, pubblica sul sito di Buzzfeed.com, probabilmente con la traduzione di Craig Silverman (BuzzFeed Canada): Italy’s Most Popular Political Party Is Leading Europe In Fake News And Kremlin Propaganda.
martedì 29 novembre 2016Il post di Nardelli è ripreso da Huffitongpost, per una versione in italiano intitolata L'analisi di Buzzfeed sulla propaganda M5S: "I leader hanno creato siti e account legati al Movimento per diffondere false notizie"
mercoledì 30 novembre 2016Oggi (e molto verosimilmente nei giorni a venire) arriva la cavalleria: Ilpost.it, Corriere, Repubblica, L'Unità poteva mancare?), la PD Community, ecc. ecc., l’argomento "L'inchiesta di Buzzfeed" è nella trending list di Twitter etc. Buzzfeed pubblica la versione del suo post in italiano, intitolato Movimento Cinque Stelle Primo In Europa A Diffondere Notizie False E Propaganda Russa. Scommetto pure che da qua a domenica se ne parlerà in televisione, alla radio e sui giornali, oltre che su Internet e dall'altra parte dell'Atlantico.
domenica 4 dicembre 2016Si vota per il Referendum costituzionale.
lunedì 5 dicembre 2016Comunque vadano le cose, Signore e Signori, saranno cazzi!

E' importante precisare che a sostegno delle sue tesi, piuttosto superate, Nardelli dice in un tweet che Grillo/M5S negano la vicinanza di alcuni siti con la Casaleggio e il blog di Grillo, provata invece con la superposizione di ID Adsense tra i diversi siti. 

OK, ma qual è il nesso tra questo e l’affermare che il partito di Grillo è la principale fonte di disinformazione in Italia, anzi in Europa (!), che diffonde notizie false di cui molte sono imbeccate direttamente dalla propaganda russa?

Anche io a suo tempo ho cercato di saperne di più sul blog di Grillo:

I numeri del blog di Grillo sono uno dei segreti meglio custoditi della II^ Repubblica!

... per cui su questo punto Grillo o chi per lui non può più evitare il discorso della trasparenza, che per altro sarebbe da sempre una priorità del Movimento 5 stelle. Che dovrebbe praticare in casa quello che invece pretende solo dagli altri.

E invece di sputanare Artini (tramite il sito http://www.tzetze.it/) con parole vuote e mal argomentate, tentare per una volta di rispondere sul merito della questione, in modo trasparente: "Quanto guadagna veramente il blog di Beppe Grillo?"

Tra l’altro se Grillo o la Casaleggio facesse una volta per tutte quell’operazione di trasparenza, un attacco concentrico come quello che stanno subendo in questo momento non sarebbe più possibile. Spero quindi che impareranno dei loro errori.

Ma intanto non vedo a che titolo la comunanza dell’ID Adsense tra questi siti e la Casaleggio, oppure la registrazione di alcuni a nome della Casaleggio (basta una query whois per verificarlo), possano giustificare o provare la conclusione di una struttura dedicata a bastonare e orchestrare manipolazioni, caso che vedo invece proprio da parte di chi vorrebbe denunciare un simile fatto.


P.S. Terza puntata 

Siccome ho terminato la redazione di questo post ieri, aggiungo un'ulteriore tabella in cui inserirò quello che ritengo importante, e che uscirà da qua a domenica.

giovedì 1 dicembre 2016Annalisa Chirico pubblica sul Foglio una "inchiesta sul prossimo big bang grillino" dal titolo La strada che porta allo scioglimento del 5 stelle, segnalato in prima pagina, e con un inserto di 3 piene pagine all’interno del giornale, intitolato: LA STRADA CHE PORTA ALLA DISSOLUZIONE. Sottotitolo: "Non solo il caos delle firme. Dalla doppia natura giuridica del movimento alle indagini sulle sospensioni. Ma cos'è la legalità per i grillini? Perché M5s rischia un big bang giuridico". Tra chi firma l'inchiesta, l'opinione è che tutto questo sarebbe "síndrome da contenitore vuoto"...
giovedì 1 dicembre 2016nextquotidiano.it pubblica sul proprio sito, a firma Giovanni Drogo, un post intitolato: "L’assegno da 80 milioni di Beppe Grillo è scoperto. Ti rendi conto???", riguardante l'assegno del M5S intestato “al Popolo Italiano” per il secondo Restitution Day del 2016. Drogo conclude così: "Se il Popolo italiano volesse incassare quell’assegno scoprirebbe semplicemente di essere stato truffato."
venerdì 2 dicembre 2016
In un articolo intitolato Il Web non crea demagoghi, Gianni Riotta scrive sulla Stampa (pagg. 1 e 25): «In uno strepitoso saggio su Buzzfeed Alberto Nardelli e Craig Silverman hanno dimostrato come dal blog di Beppe Grillo e Davide Casaleggio vengano diffusi e smistati - tra spot a pagamento - molte delle false notizie confezionate in Russia, o in altri paesi, dalla macchina di disinformazione del Cremlino e di Putin. Fatto grave e da chiarire, soprattutto per un partito ligio alla trasparenza come i 5 Stelle...»
venerdì 2 dicembre 2016
Jason Horowitz pubblica su The New Yor Times due articoli, rispettivamente intitolati With Populist Anger Rising, Italy May Be Next Domino to Fall e Spread of Fake News Provokes Anxiety in Italy, riportando in quest'ultimo: «Buzzfeed (con link) and the Italian newspaper La Stampa recently reported that blogs, social media accounts and websites in Russia connected to the Five Star Movement were spreading fake news harmful to Mr. Renzi across their vast virtual networks
venerdì 2 dicembre 2016
Luigi Bisignani (!) pubblica in prima pagina un editoriale al vetriolo sul Tempo, intitolato «Milena Gabanelli la carta di Grillo?», dove presenta la Gabanelli come “abituata a vincere portando avanti tesi precostituite con contraddittori maliziosi, caratterizzati da interviste sminuzzate con telecamere sparate sul viso che farebbero apparire anche Madre Teresa come una criminale” e aggiunge ... “Grillo deve tirare a tutti i costi fuori dal cilindro una soluzione per uscire dai pasticci in cui e finito, che vanno dalla raccolta delle firme false di Palermo fino allo Statuto e alle espulsioni, ben documentati da Annalisa Chirico su Il Foglio. (...) Chi meglio di Milena Gabanelli, con la sua immagine di guerrigliera senza macchia e senza paura, può invertire la rotta e riportare entusiasmo in un Movimento dilaniato ormai da guerre intestine e con una base sempre più disorientata? Gli ambasciatori sono al lavoro pronti a smentire ogni sussurro”.
sabato 3 dicembre 2016
Alla vigilia del voto referendario, credo che il Presidente del Consiglio italiano vorrà fare i suoi migliori auguri al Paese... #ItaliaStaiSerena




permalink | inviato da jmleray il 30/11/2016 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE