.
Annunci online

straniero
diario
14 aprile 2016
Renzi chi?
A Roma avevamo "er rugantino", giovane spaccone di papalina memoria, oggi abbiamo l'arrogantino di Rignano sull'Arno, alter ego di quello. Però se il primo cantava, il secondo fa il presidente del Consiglio, e già la cosa si fa più problematica.

Massonicamente parlando, questo blog era in sonno da quasi due anni, però magari vale la pena riattivarlo un'attimo, nel solco della sua finalità originale: "opporsi alle prepotenze quotidiane di chi ci governa".

Se non altro perché il giovane spaccone odierno sta purtroppo riuscendo laddove hanno miseramente fallito tutti quelli che ci hanno provato prima di lui, da Berlusconi a Craxi: attuare il famigerato piano di rinascita democratica propugnato dal suo tristemente celebre conterraneo, già residente nella venerabile Villa Wanda, svuotando dal suo contenuto la Carta Costituzionale del '48.

Proprio nella sua parte capolavoro, che consiste nell'eliminazione di tutti i contropoteri naturali, gli anticorpi, per lasciare soltanto un'apparenza di guscio democratico, totalmente svuotato dei contenuti della democrazia però, una semplice illusione di democrazia. Un'illusione, appunto.

A sentire il duo Renzi-Boschi e tutti quelli che fanno loro da contorno, c'è tanta fretta "perché il Paese lo vuole": penosa tendenza politica di considerare che un parlamento di nominati eletto con legge elettorale dichiarata incostituzionale rappresenti - abbia mai rappresentato - "il Paese"!

Con l'incredibile paradosso che sarà proprio quel "parlamento di nominati eletto con legge elettorale dichiarata incostituzionale" a smantellare la Costituzione italiana, 68 anni dopo il '48. Perdippiù davanti ad un parlamento mezzo vuoto. Alla faccia della condivisione. Giornata storica, certo.


* * *

Secondo me, Gianroberto Casaleggio ha preferito salutare prima purché di non assistere a quel scempio.

In effetti, dopo il PDL Partito della Democratura Liberale, il PD renziano è diventato Partito della Democratura tout court, e cioè una dittatura soft e decisionista travestita da "democrazia", e non cambierebbe niente se domani si chiamasse Partito della Nazione...

A futura memoria, ripeto quanto scrivevo in post-scriptum a Come si chiama questa roba qua?, su quanto recitava, tra altre amenità, il piano di rinascita democratica:
  • Il piano tende invece a rivitalizzare il sistema attraverso la sollecitazione di tutti gli istituti che la Costituzione prevede e disciplina, dagli organi dello Stato ai partiti politici, alla stampa, ai sindacati, ai cittadini elettori.
  • Va anche rilevato, per chiarezza, che i programmi a medio e lungo termine prevedono alcuni ritocchi alla Costituzione successivi al restauro delle istituzioni fondamentali.
Personalmente, mi colpisce moltissimo che l'attuale riforma costituzionale, conosciuta come DDL Boschi, porti lo stesso cognome di un signore, brava persona senz'altro, ma che si rivolge (magari a sua insaputa, non sarebbe il primo) per le nomine o il salvataggio della propria banca ad un certo Carboni Flavio, faccendiere gentiluomo di professione, oltreché massone. Sembra sia una tradizione su certe terre. Comunque anche se le colpe dei padri non devono ricadere sui figli, o vice-versa, ci sono delle situazioni in cui la semplice opportunità politica consiglierebbe per lo meno un passo indietro. Del resto il PD se ne fa un vanto con certi ministri...

Però facciamocene una ragione. Ecco quello che chiede proprio il Paese, e c'ha pure fretta: la rivitalizzazione del sistema, il ponte sullo Stretto, e così via... Adesso però, si tranquillizzi il Paese, visto che con Renzi le cose si fanno e si faranno. Finalmente, "noi siamo diversi dagli altri"...

Diversamente democratici, appunto.

Povera Italia, che si fa fregare di continuo! Ogni volta che la gente normale cerca di alzare la testa e farsi sentire, arriva il demiurgo di turno che riesce a trasformare milioni di moderati coglioni in un popolo di struzzi: così è stato nel '92, così è stato quando Napolitano è riuscito ad imporci come governanti diverse teste di legno infischiandosene delle istanze (in francese si direbbe delle "doleanze") del popolo sovrano, con Renzi come ciliegina sulla torta.

#StaiSerenaItalia

Un po' come se il "popolo sovrano" non si volesse mai emancipare. Questa volta però che ha due ultime occasioni imperdibili per riprendere la mano, sarebbe inescusabile non approfittarne:
  1. Il referendum abrogativo che si terrà probabilmente entro fine 2016;
  2. Le prossime elezioni politiche (2017 o 2018).
1. Renzi lo ha detto lui stesso: «Se perdo il referendum non solo vado a casa, ma smetto anche di fare politica». Quindi, ammesso e non concesso che sia sincero e coerente (...), il popolo sovrano ha veramente la possibilità di mandarlo via, magari una buona volta per tutte. Basta raggiungere il quorum e dire NO alla riforma sua e di Mariaele. Semplice...

2. Sono settimane che i sondaggi dicono che alle politiche, se ci fosse il ballottaggio tra PD e M5S, vincerebbe il Movimento 5 Stelle; e se ci fosse il ballottaggio tra coalizione di dx. e M5S, vincerebbe il Movimento 5 Stelle, addirittura con margine più ampio; unico problema: il M5S non dovrebbe arrivare al ballottaggio, che si contenderà molto probabilmente tra PD e coalizione di dx.!

Sembra una barzelletta ma non lo è. Perché tutto questo? Perché grazie alla propaganda unificata di politicanti di professione di dx., di sx. e di centro passando dagli estremi, oltre a tutti i giornalisti servili che ripetono a papagallo, quegli del movimento cinque stelle (così come prima di loro i girotondini) rappresentano l'antipolitica!!!

Cioè, ogni volta che la gente onesta cerca di reagire, di "svoltare", viene bollata come demagogia populista, antipolitica, patologia eversiva (Giorgio dixit)! Bisogna invece "spandere il virus dell'onestà" (letto su Facebook da parte di un simpatizzante M5S), concetto dimenticato, seppellito dalla maggior parte del ceto politico. Come dicevo nell'uomo tradito

l'onestà è il populismo
l’antipolitica del nuovo secolo!

ma se l'onestà è l’antipolitica
che cosa è la politica?
che cosa è il politico?
cosa sono i politici?
con i loro tradimenti e quegli degli altri?

Da più di mezzo secolo in questo Paese, la politica tradizionale ha dato TUTTE le prove della sua gigantesca incapacità di fare il bene pubblico, congiunta alla sua altrettanta gigantesca capacità di fare il bene proprio e della sua casta: collusa con le mafie e le massonerie, corrotta fino al midollo, clientelista e nepotista, ladra e bugiarda all'infinito. Mi fanno ridere quelli che continuano imperterriti a sostenere che non tutti i politici sono così. Sarà pure vero, ma stranamente non sono mai i politici onesti che la spuntano. MAI!

Quindi la conclusione è soltanto una: per una volta che l'Italia ha la possibilità concreta, a portata di mano, di votare per delle persone oneste come lo sono la maggioranza dei militanti del M5S, lo faccia! Senza se e senza ma. Sarebbe veramente l'ora di "spandere il virus dell'onestà".

Perché francamente, se questa è la politica, albero marcio dalla frutta marcia, allora l'antipolitica non potrà mai essere peggio né fare peggio di chi ci ha governato e ci governa dal dopoguerra. 

A contrario, se il popolo sovrano non prenderà questi due ultimi treni, o almeno uno, per apatia, per codardia, per indifferenza, coglionaggine o per qualunque altro motivo, perderà definitivamente la sua "sovranità" e non potrà più invocare alcuna scusa, quale che sia.

Vorrà dire che le cose stanno bene come stanno. Che la gente è contenta di quello che sta diventando l'Italia oggi, e di quella che diventerà domani con questa "schiforma". Chi non vuole fare quando può, non potrà più fare quando vorrà. Allora niente più lamentele, avrà ragione Renzi:

«L'Italia, che è un grande paese, smette di essere un paese di piagnistei e torna a essere locomotiva d'Europa».

Però questa volta il treno non passerà mai più.




permalink | inviato da jmleray il 14/4/2016 alle 0:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE